L’innovatività del Progetto ABACUS – Attivazione dei Bacini Culturali Siciliani

ABACUS presenta i seguenti aspetti di innovatività:

– la stretta cooperazione tra i 4 partners, quale combinazione tra missioni istituzionali e competenze professionali particolarmente utile ad affrontare alcune delle tematiche più rilevanti per i giovani del territorio;
– la costruzione della “Community di Progetto” quale:
         – ambiente di interazioni e interscambi socio-culturali, anche cross-generazionali;
         – “luogo” di interpretazione individuale e collettiva delle dinamiche giovanili nei territori interessati;
– la compartecipazione di rappresentanze dei beneficiari diretti, indiretti e di altri stakeholders alla “cabina di regia”, a garanzia dell’opportuno e costante orientamento del progetto;
– la promozione di interazioni sia inter- e intra-comunità giovanili del territorio, sia cross-generazionali, per la valorizzazione dei saperi tradizionali;
– la formulazione di analisi ex ante ed ex post di tematiche, problematiche e soluzioni di interesse del progetto, il cui valore sarà aumentato dalla partecipazione attiva e continua degli stessi soggetti beneficiari;
– la promozione di ambienti formali e informali di aggregazione e socializzazione caratterizzati anche da modalità partecipative di progettazione e di governance, per l’interscambio di esperienze, informazioni, conoscenze, competenze e nuove consapevolezze, che non risultino alternativi alle realtà e modalità di aggregazione e socializzazione già esistenti – come le Consulte giovanili attive o in corso di attivazione – bensì come supporti operativi e amplificativi in grado di essere trasversali alle differenti forme di interazione tra i giovani e aumentarne il livello qualitativo e quantitativo degli aspetti relazionali;
– la condivisione delle esperienze abilitanti e professionalizzanti “vissute” dai beneficiari nell’ambito delle attività formative in progetto e la loro consapevolizzazione anche tramite forme di story-telling, ad esempio, e la presentazione di tali percorsi personali da parte degli stessi beneficiari, agli altri partecipanti alle attività del progetto;
– la prospettiva di trasferibilità del paradigma dei “Bacini Culturali” ad altri potenziali bacini socio-culturali e territoriali della Sicilia, e, dunque, di sua sperimentazione più ampia e approfondita.