Mapping

La conoscenza delle dinamiche socio-culturali che caratterizzano le comunità giovanili del territorio di riferimento del Progetto ABACUS, rappresenta l’obiettivo iniziale del programma di attività previste.

Si tratta dunque di identificare e caratterizzare le forme e le dinamiche di aggregazione e socializzazione dei giovani residenti nei Comuni ricadenti nei bacini del Fiume Oreto e del Fiume Belìce, coinvolgendo i beneficiari diretti e indiretti, e gli stakeholder territoriali in una mappatura costante e in un’analisi progressiva dei network, non solo digitali…, nei quali avvengono gli interscambi di umanità, culture, conoscenze e competenze professionalizzanti che caratterizzano questi due “Bacini Culturali”.

Il processo di mappatura collaborativa e di analisi condivisa presenterà, in tal senso, due percorsi principali: il dove e il come i giovani del territorio si aggregano e socializzano, sia on-Life che on-line, da un lato, e il dove e il come i due “Bacini Culturali” sperimentali dell’Oreto e del Belìce trovano i loro attuali confini ed emergono come organismi di “infrastrutturazione sociale” dotati di grande potenziale di evoluzione.

In tale direzione, in ABACUS si potranno adottare paradigmi collaborativi e inclusivi quali ad esempio l’emotional mapping o, più correttamente, il sentiment mapping e l’experience mapping, e le altre applicazioni basate sul paradigma del crowdsourcing e della Volunteered Geographic Information.

Attraverso l’implementazione di una piattaforma web collaborativa che affiancherà il sito web baciniculturalisiciliani.eu con un portale di mappe ABACUS e con un’App gratuita, entrambi basati sulla tecnologia offerta dalle soluzioni software di GIS CLOUD, il processo di mappatura collaborativa e di analisi condivisa con le comunità giovanili del territorio, si svilupperà durante tutto il periodo di attuazione del Progetto ABACUS e rappresenterà per i beneficiari un’ulteriore elemento professionalizzante, molto utile e versatile ormai in molti e differenti ambiti disciplinari e della vita quotidiana.

La partenza sarà segnata dalla prima mappa ABACUS che localizza nel territorio di riferimento il partenariato e i primi soggetti sostenitori del Progetto: